PENSIERINO n. 977 del 05- Maggio -2023

«… Nella Storia della Chiesa neanche i più grandi Biblisti hanno saputo spiegare l’insegnamento che Gesù ha voluto trasmetterci con la “Parabola dell’Amministratore disonesto”… dove “sembra” incredibilmente che Lui elogi comportamenti disonesti… ma così non è ! Sveliamo allora per la prima volta qual’è la vera spiegazione  …»

(Parte prima)

Dal Vangelo secondo Luca (16,1-8)

[1] (Gesù) Diceva anche ai Discepoli:  Un Uomo era talmente ricco da avere un Amministratore, e questi fu accusato di stare a dilapidare i suoi beni.

[2] E avendolo convocato gli disse: Cos’è questo che sento dire di te ? Rendi il conto della tua amministrazione, perché non puoi più amministrare !

[3] Disse allora fra sè l’Amministratore: Cosa farò, dal momento che il mio Padrone mi toglie l’amministrazione ? Di zappare non ho la forza, di chiedere l’elemosina mi vergogno.

[4] So cosa fare, affinchè, quando sarò rimosso dall’amministrazione, degli amici mi accolgano nelle proprie case.

[5]E avendo convocato presso di sè uno a uno alcuni debitori del suo Padrone, disse al primo: tu quanto devi al mio Padrone ?

[6] Rispose : Cento barili d’olio (=4000 litri). Allora l’Amministratore gli disse: prendi la tua ricevuta e sedendoti scrivi subito cinquanta.

[7] Poi a un altro disse: Tu invece quanto gli devi? Rispose: Cento misure di grano. Gli disse: prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta.

[8] E il Padrone (lodò) ammirò l’operato dell’Amministratore disonesto perché aveva agito con scaltrezza, infatti i figli di questo secolo, nella propria generazione, sono più scaltri rispetto ai figli della Luce.

(Parola del Signore Dio)

 

Contrariamente a quanto apparentemente sembra… 

(e a quanto riportato su alcuni commenti a questa celebre Parabola…

Gesù non “loda” il comportamento di nessuno dei suoi protagonisti …

perchè è lungi da Lui  “approvare” comportamenti disonesti…

 

Invece… nei primi 8 versetti…

Egli “descrive” sinteticamente una “tipica” vicenda…

di corruzione… di debolezza e miseria “umana”…

dove TUTTI i protagonisti sono corrotti e disonesti…

non solo l’Amministratore…

 

Infatti :

 

  • è del tutto evidente la disonestà dell’Amministratore…

  • sono disonesti anche i debitori… perchè accettano di falsificare i documenti contabili d’accordo con l’Amministratore… di cui approvano con entusiasmo la disonestà in quanto li sta avvantaggiando e pure molto…

  • è disonesto il Padrone… l’uomo ricco… che invece di indignarsi e condannare l’operato del suo Amministratore… resta “ammirato” della sua scaltrezza fino al punto di arrivare a lodarlo !

 

Pertanto… da queste semplici osservazioni…

si deduce chiaramente che non è Gesù…

quello che “loda” la disonestà…

ma è invece l’Uomo ricco e corrotto che la “loda”…

 

Nelle prossime Parti di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura…

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
27 − 15 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil