PENSIERINO n. 907 del 24- Febbraio-2023

«…  i Sacramenti sono Segni efficaci della Grazia… e non “figure o simboli”… sono Segni efficaci perché in Essi agisce Cristo stesso… vero Dio e vero Uomo… per moltiplicare nella Chiesa i “Figli di Dio” e poterli assistere nel loro “transito” dalla Terra all’Eternità …»

(Parte terza)

Dal Vangelo secondo Matteo (24,11-15 / 21)

[11] SORGERANNO MOLTI FALSI PROFETI

(i Pastori ”modernisti” e i “Capi” delle false Religioni …)

E INGANNERANNO MOLTI;

[12] per il dilagare dell’Iniquità, l’Amore di molti si raffredderà.

[13] Ma chi persevererà sino alla Fine, sarà salvato.

[14] Frattanto questo Vangelo del Regno sarà annunziato in tutto il Mondo,

perché ne sia resa Testimonianza a tutte le Genti;

e allora verrà la Fine !

[15] QUANDO DUNQUE VEDRETE

L’ABOMINIO DELLA DESOLAZIONE,

DI CUI PARLÒ IL PROFETA DANIELE,

STARE NEL LUOGO SANTO

– CHI LEGGE COMPRENDA –

[…]

[21] POICHÉ VI SARÀ ALLORA UNA TRIBOLAZIONE GRANDE,

QUALE MAI AVVENNE DALL’INIZIO DEL MONDO FINO A ORA,

NÉ MAI PIÙ CI SARÀ !

(Parola del Signore Dio)

 

Nel PENSIERINO precedente abbiamo definito…

la modalità della “Comunione nella mano”…

purtroppo ormai dilagante…

un vero e proprio “abuso liturgico”…

oltre che un evidente sacrilegio…

 

Nessuno pensi che stiamo esagerando… perché quella “modalità”…

è sempre stata vietata… per ovvi motivi… da tanti secoli…

e infatti… solo pochi anni fa Papa Paolo VI…

lo ha giustamente ricordato a tutti…

promulgando il 28 maggio 1969 il documento “MEMORIALE DOMINI”…

in cui afferma chiaramente che:

 

  1. I Vescovi del Mondo sono unanimemente contrari alla “Comunione nella mano”…

  1. Deve essere osservato questo modo di distribuire la Comunione, ossia il Prete deve porre l’Ostia “sulla lingua” dei comunicandi…

  1. La Comunione “sulla lingua” non toglie Dignità in nessun modo a chi si comunica…

  1. Ogni innovazione può portare all’irriverenza e alla “profanazione” dell’Eucarestia, così come si può intaccare gradualmente “la Dottrina” corretta…

 

Il Documento afferma inoltre:

< Il Supremo Pontefice giudica che il Modo “tradizionale e antico” di amministrare la Comunione ai fedeli “non deve” essere cambiato. La Sede apostolica invita perciò fortemente i Vescovi, i Preti e il Popolo ad osservare con zelo questa Legge… >

Nella prossima ultima Parte di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura…

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
21 − 20 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil