PENSIERINO n. 623 del 16 Maggio 2022

«… la Chiesa cattolica deve tornare a innalzarsi sulle Famiglie… e su tutte le Società “umane”… »

(Parte terza)

Dal Vangelo secondo Matteo (4,1-4)

[1] Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel Deserto

per esser tentato dal Diavolo.

[2] E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame.

[3] Il Tentatore allora Gli si accostò e Gli disse:

“Se sei Figlio di Dio,

DÌ CHE QUESTI SASSI DIVENTINO PANE”.

[4] Ma Egli rispose:

“Sta scritto:

NON DI SOLO PANE VIVRÀ L’UOMO,

MA DI OGNI PAROLA CHE ESCE DALLA BOCCA DI DIO !”.

(Parola del Signore Dio)

 

Nelle prime due parti di questo PENSIERINO abbiamo evidenziato

la perfezione della Chiesa Cattolica “nascente”…. 

una Chiesa iniziale in cui l’Umano e il Divino

si incontravano… si intrecciavano… “si fondevano”…  

una Chiesa dove i Vescovi erano tanto Santi quanto Taumaturghi…

(cosa che contribuiva a rivelarne la natura “Divina”… )

e quindi con una Dignità infinitamente superiore… 

a qualsiasi Società “solo umana”…

 

Però… tutto questo accadeva molti secoli fa… 

mentre… al contrario… negli ultimi secoli l’incredibile e ostinato “rifiuto”… 

da parte dei Vescovi di qualunque evento di origine soprannaturale…

(Apparizioni, Locuzioni interiori, Bilocazioni, Miracoli di guarigione, etc. …

l’ha trasformata sempre più in una Società “umana”…

recidendo quasi completamente quel “Cordone ombelicale”…

che univa la Chiesa Cattolica a Dio… 

facendola sprofondare nella più grave crisi di sempre… !

 

Riportiamo allora altri brani del capolavoro “Il Grande Inquisitore” perché quei brani 

sono vere e proprie “profezie” che si stanno avverando sempre più chiaramente:

 

< (Il Cardinale Inquisitore rivolgendosi a Gesù )

“ricevendo i pani da noi (Vescovi cattolici …), 

certo vedranno chiaramente che prendiamo i loro stessi pani,

guadagnati dalle loro stesse braccia,

per distribuirli fra essi,

SENZA MIRACOLO ALCUNO,

VEDRANNO CHE NOI NON ABBIAMO MUTATO IN PANI LE PIETRE,

ma in verità, piú che del pane stesso, saranno lieti di riceverlo dalle nostre mani !

 

Giacché troppo bene ricorderanno che,

PRIMA, SENZA DI NOI,

gli stessi pani da essi guadagnati si mutavano nelle loro mani in pietre,

mentre, dopo il ritorno a noi,

le pietre medesime si sono mutate nelle mani loro in pani.

 

Troppo, troppo apprezzeranno quel che significa sottomettersi una volta per sempre !

E finché gli uomini non capiranno questo, saranno infelici.” >

( → da “Il grande Inquisitore” di Fëdor Dostoevskij, 1821-1881 )



Nella prossima e ultima parte di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura…







Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
10 + 21 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil