PENSIERINO n. 618 del 11 Maggio 2022

«…  la massima contraddizione possibile : i Pastori “moderni” predicano nel Nome di Dio però non credono più… che il Logos… che Dio… si è fatto Carne …»

(Parte seconda)

Dal Vangelo secondo Matteo (23, 13, 15, 24, 27-28 )

[13] Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti,

che chiudete il Regno dei Cieli davanti agli Uomini;

perché così voi non vi entrate,

E NON LASCIATE ENTRARE NEMMENO QUELLI CHE VOGLIONO ENTRARCI !!

[…]

[15] Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.

[…]

[24] GUIDE CIECHE,

CHE FILTRATE IL MOSCERINO E INGOIATE IL CAMMELLO !

[…]

[27] Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti,

CHE RASSOMIGLIATE A SEPOLCRI IMBIANCATI:

essi all’esterno son belli a vedersi,

ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume.

[28] Così anche voi “apparite giusti” all’esterno davanti agli uomini,

MA DENTRO SIETE PIENI D’IPOCRISIA E D’INIQUITÀ !

(Parola del Signore Dio)

 

Nel PENSIERINO precedente (n. 617) abbiamo accennato a qualche

frase “chiave” del lungo “interrogatorio” a cui viene sottoposto Gesù

dal “grande Inquisitore” del romanzo di Dostoevskij…

 

Continuiamo allora a riportarne altre… perché le frasi di quel capolavoro…

lette adesso… sembrano vere e proprie “profezie”…  

in grado di dar molta luce… sulle vere ragioni che hanno portato… 

la Chiesa cattolica… a sprofondare nella più grave crisi di sempre:

 

< (l’Inquisitore …) perché (Gesù … ) mi guardi in silenzio coi Tuoi miti occhi penetranti ?

Va’ in collera, io non voglio il Tuo Amore, perché io stesso non Ti amo !

E che cosa dovrei nasconderTi ?

Non so forse con chi parlo ?

Tutto ciò che ho da dirTi, già Ti è noto, lo leggo nei Tuoi occhi.

E dovrei io nasconderti il nostro segreto ?

Forse Tu vuoi proprio udirlo dalle mie labbra, ascolta dunque:

“Noi non siamo con Te (Gesù Cristo… ),

ma con Lui (Satana …),

ECCO IL NOSTRO SEGRETO !

Da un pezzo non siamo più con Te ma con Lui:

DA ORMAI OTTO SECOLI.

Sono esattamente otto secoli che accettammo da lui ciò che Tu avevi rifiutato con sdegno, quell’ultimo dono ch’egli Ti offriva, mostrandoti tutti i Regni della Terra:

Noi accettammo da lui (Satana …) Roma e la spada di Cesare, e ci proclamammo Re della Terra, gli unici Re, sebbene non abbiamo ancora avuto il tempo di compiere interamente l’Opera nostra.>

 

Nelle prossime Parti di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura…




Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
28 + 30 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil