PENSIERINO n. 617 del 10 Maggio 2022

«…  la massima contraddizione possibile : i Pastori “moderni” predicano nel Nome di Dio però non credono più… che il Logos… che Dio… si è fatto Carne …»

(Parte prima)

Dal Vangelo secondo Giovanni (1, 9-14)

[9] VENIVA NEL MONDO LA LUCE VERA,

Quella che illumina ogni Uomo.

[10] Egli era nel Mondo, e il Mondo fu fatto per mezzo di Lui,

eppure il Mondo non Lo riconobbe.

[11] Venne fra la Sua Gente, ma i Suoi non L’hanno accolto.

[12] A quanti però L’hanno accolto,

ha dato Potere di diventare Figli di Dio:

A QUELLI CHE CREDONO NEL SUO NOME,

[13] i quali non da Sangue, né da volere di Carne, né da volere di Uomo,

ma da Dio sono stati generati.

[14] E IL LOGOS SI FECE CARNE

e venne ad abitare in mezzo a noi;

e noi vedemmo la Sua Gloria,

Gloria come di Unigenito dal Padre,

Pieno di Grazia e di Verità.

(Parola del Signore Dio)

 

< E allora saremo noi ( Vescovi cattolici …) a ultimare la loro Torre (di Babele …),

giacché la ultimerà chi li sfamerà

e noi soli li sfameremo (facendo prevalere al massimo il “Sociale” nella Chiesa Cattolica …),

IN NOME TUO,

FACENDO CREDERE DI FARLO IN NOME TUO (di Gesù Cristo…) >

[ →  da “Il grande Inquisitore” di Fëdor Dostoevskij (1821-1881) ]

 

“Il grande Inquisitore” è un capitolo del celebre romanzo “I fratelli Karamazov” 

del grandissimo scrittore e filosofo russo Dostoevskij… 

ambientato in Spagna ai tempi dell’Inquisizione.

 

Il personaggio “centrale” del capitolo è un “Inquisitore generale” che fa arrestare 

quello che tutti hanno capito essere proprio Gesù… 

“tornato” sulla Terra dopo 15 secoli… compiendo nuovamente dei Miracoli… 

 

Lo fa arrestare per sottoporLo  a un lungo interrogatorio…

e minacciarLo poi di morte per mezzo di un rogo… 

con queste precise parole:

 

< PERCHÉ SEI VENUTO A DISTURBARCI?

Sei infatti venuto a disturbarci, lo sai anche Tu.

Ma sai che cosa succederà domani?

Io non so chi Tu sia, e non voglio sapere se Tu sia Lui (Gesù …) o soltanto una Sua apparenza, ma domani stesso io Ti condannerò e Ti farò ardere sul rogo, come il peggiore degli eretici, e quello stesso popolo che oggi baciava i Tuoi piedi si slancerà domani, a un mio cenno, ad attizzare il Tuo rogo, lo sai?

SÍ, FORSE TU LO SAI”,

aggiunse, profondamente pensoso,

senza staccare per un attimo lo sguardo dal suo Prigioniero. >

 

Nelle prossime Parti di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura…







Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
6 + 13 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil