PENSIERINO n. 52 del 22-ottobre-2020

« … l’incredulità … la mancanza di “vera Fede” … fa piangere Dio … »

Dal Vangelo secondo Luca (19,41-44)

[41] Quando (Gesù) fu vicino, alla vista della Città, PIANSE di Essa, dicendo:

[42] “Se avessi compreso anche Tu, in questo Giorno, la Via della Pace. Ma ormai è stata nascosta ai tuoi occhi. 

[43] Giorni verranno per Te in cui i tuoi Nemici ti cingeranno di trincee, ti circonderanno e ti stringeranno da ogni parte; 

[44] abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, PERCHÉ NON HAI RICONOSCIUTO IL TEMPO in cui sei stata visitata !”

Dal Vangelo secondo Giovanni (11,35-48)

[35] Gesù scoppiò in PIANTO.

[36] Dissero allora i Giudei: “Vedi come lo amava!”.

[37] Ma alcuni di loro dissero: “Costui che ha aperto gli occhi al cieco non poteva anche far sì che questi non morisse?”.

[38] Intanto Gesù, ancora profondamente commosso, si recò al Sepolcro; era una Grotta e contro vi era posta una Pietra.

[39] Disse Gesù: “Togliete la Pietra!”. Gli rispose Marta, la sorella del morto: “Signore, già manda cattivo odore, poiché è di quattro giorni”. 

[40] Le disse Gesù: “Non ti ho detto che, se credi, vedrai la Gloria di Dio?”.

[41] Tolsero dunque la Pietra. Gesù allora alzò gli occhi e disse: “Padre, Ti ringrazio che Mi hai ascoltato.  

[42] Io sapevo che sempre Mi dai ascolto, ma l’ho detto per la gente che mi sta attorno, perché credano che Tu Mi hai mandato”. 

[43] E, detto questo, gridò a gran voce: “Lazzaro, vieni fuori!”. 

[44] Il morto uscì, con i piedi e le mani avvolti in bende, e il volto coperto da un sudario. Gesù disse loro: “Scioglietelo e lasciatelo andare”. 

[45] MOLTI DEI GIUDEI che erano venuti da Maria, alla vista di Quel che Egli aveva compiuto, CREDETTERO IN LUI. 

[46] Ma alcuni andarono dai Farisei e riferirono loro Quel che Gesù aveva fatto. [47] Allora i Sommi Sacerdoti e i Farisei riunirono il Sinedrio e dicevano:

“Che facciamo?

QUEST’UOMO COMPIE MOLTI SEGNI. 

[48] SE LO LASCIAMO FARE COSÌ, TUTTI CREDERANNO IN LUI e verranno i Romani e distruggeranno il nostro Luogo santo e la nostra Nazione”.

(Parola del Signore Dio)

L’Errore che commettono quasi tutti …

è quello di credere che Gesù “pianse sulla morte di Lazzaro” …

è un Errore (ispirato da Satana) che “nasce” … (purtroppo …)

dalla troppa faciloneria
… e superficialitàcon cui si legge la Parola di Dio


Ma come poteva piangere Gesù “sulla morte di Lazzaro” …

proprio mentre lo stava per riportare in vita?


La Verità
è invece tutt’altra


Gesù
stava piangendo

sia per “l’incredulità” della maggior parte dei presenti …

sia perché i Capi religiosi si stavano per organizzare

per fermarLo
e impedirGli di fare altri “grandi Miracoli” simili …

che avrebbero potuto riportare il Popolo alla “vera Fede” …


«… se Lo lasciamo fare così … tutti crederanno in Lui … (torneranno alla “vera Fede” … ) »


E gli attuali
“Capi della falsa Chiesa” … che cosa fanno ?

Non sono forse peggio di Quelli di allora
?


Infatti ripetono quel celebre Episodio … tutti i giorni … e in tanti “modi diversi” …


In effetti … i “Caino” della nostra Era

cioè i tanti Massoni che si mascherano … e travestono … proprio da “grandi Teologi” …

ispirati da Satana … stanno “svuotando” completamente del Soprannaturale la Chiesa Cattolica

negando tutti i Miracoli … contestando tutti i Dogmi …

negando che Dio castiga … anche con le Catastrofi e le Calamità … e così via …

(→ vedi PENSIERINI n. 131516 – …51 )


Ma Dio … non ha mai abbandonato … l’Uomo che ”è caduto” in mano a Satana …

ad esempio … Sant’Ireneo di Lione scrive :


«Il NODO della Disobbedienza di Eva … ha avuto la “sua Soluzione” con l’Obbedienza di Maria; ciò che la Vergine Eva aveva legato CON LA SUA INCREDULITÀ, la Vergine Maria l’ha sciolto CON LA SUA FEDE»

(Sant’Ireneo di Lione, Adversus Haereses III, 22, 4)




Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
28 − 13 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil