PENSIERINO n. 191 del 10-marzo-2021

« … nella Santa Messa… al momento della Consacrazione… si rinnova realmente il Mistero dell’Incarnazione… (Parte prima)»

Dal Vangelo secondo Matteo (26,26-29)

[26] Ora, mentre Essi mangiavano, Gesù “prese il Pane” e, pronunziata la Benedizione, Lo spezzò e Lo diede ai Discepoli dicendo: “prendete e mangiate; QUESTO È IL MIO CORPO”.

[27] Poi “prese il Calice” e, dopo aver reso Grazie, Lo diede loro, dicendo: “Bevetene tutti,

[28] perché QUESTO È IL MIO SANGUE dell’Alleanza, VERSATO PER MOLTI, IN REMISSIONE DEI PECCATI.

[29] Io vi dico che da ora non berrò più di questo Frutto della Vite fino al Giorno in cui Lo berrò Nuovo con voi NEL REGNO DEL PADRE MIO”.

Dal Vangelo secondo Giovanni (6,47-58)

[47] In Verità, in Verità vi dico: “CHI CREDE”… HA LA VITA ETERNA !

[48] IO SONO IL PANE DELLA VITA !

[49] I vostri Padri hanno mangiato la Manna nel Deserto e sono morti

[50] questo è il Pane che discende dal Cielo, perché chi Ne mangia non muoia.

[51] Io sono il Pane Vivo, disceso dal Cielo. Se Uno mangia di questo Pane vivrà in Eterno e “il Pane che Io darò” è la Mia Carne ( …la Santissima Eucarestia… ) per la Vita del Mondo”.

[52] Allora i Giudei si misero a discutere tra di loro: “Come può Costui darci la Sua Carne da mangiare ??”.

[53] Gesù disse: “In Verità, in Verità vi dico: se non mangiate la Carne del Figlio dell’Uomo e non bevete il Suo Sangue, non avrete in voi la Vita.

[54] Chi mangia la Mia Carne e beve il Mio Sangue ha la Vita Eterna e IO LO RISUSCITERÒ NELL’ULTIMO GIORNO !

[55] PERCHÉ LA MIA CARNE È VERO CIBO E IL MIO SANGUE VERA BEVANDA.

[56] Chi mangia la Mia Carne e beve il Mio Sangue dimora in Me e Io in Lui.

[57] Come il Padre, che ha la Vita, ha mandato Me e Io vivo per il Padre, così anche “Colui che mangia di Me” vivrà per Me.

[58] QUESTO È IL PANE DISCESO DAL CIELO, non “come quello” che mangiarono i Padri vostri e morirono. CHI MANGIA QUESTO PANE ( …la Santissima Eucarestia… ) VIVRÀ IN ETERNO !!”.

(Parola del Signore Dio )

< Ora Ti preghiamo umilmente:

manda il Tuo Spirito a santificare i Doni che Ti offriamo, perché diventino il Corpo e il Sangue di Gesù Cristo, Tuo Figlio e Nostro Signore, che ci ha comandato di celebrare questi Misteri.>


Queste Parole… pronunciate dal Sacerdote… 

nella Preghiera Eucaristica… al momento della Consacrazione…  

danno origine… al Miracolo grandissimo… straordinario…

che avviene “sempre”… durante il Santo Sacrificio della Messa…

Miracolo grandissimo… che permette…

a tutta la “sostanza”… del pane e del vino… 

di diventare Corpo… Sangue… Anima… e Divinità di Gesù Cristo … 

“rinnovando” realmente il Mistero dell’Incarnazione… !

Miracolo grandissimo… che tutti… 

a partire dal Sacerdote che sta celebrando…

devono capire in profondità…

Questo Miracolo grandissimo…  “non” è una “nuova” Incarnazione… 

ma una Incarnazione… che “Si rinnova” … al momento della Consacrazione… 

che “Si rinnova” … grazie alla Presenza reale di Gesù… 

con la Sua Divinità… e col Suo “Corpo glorioso”…

quello “stesso Corpo”… che la Santissima Vergine… Gli ha dato… quando Lui:

  • è nato a Betlemme…

  • è morto sul Calvario…

  • è stato deposto nel Sepolcro…

  • e da lì è gloriosamente Risorto… e Asceso al Cielo…


assumendo… con la Sua Risurrezione… e Ascensione…

una “Forma”… Nuova… Divina…  

quella appunto della Gloria… !


Nelle prossime Parti di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura… 






Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
16 + 12 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil