PENSIERINO n. 145 del 23-gennaio-2021

«… l’ASSURDO… nella Chiesa Cattolica “attuale”… le Potenze dell’Inferno… non trovano più Resistenza alcuna… (Parte prima)»

Dal Libro del Profeta Isaia (5,1-4)

[1] Canterò per il mio Diletto il mio Cantico d’Amore per la Sua Vigna. Il Mio Diletto possedeva una Vigna sopra un fertile Colle.

[2] Egli l’aveva vangata e sgombrata dai Sassi e vi aveva piantato scelte Viti; vi aveva costruito in mezzo una Torre e scavato anche un Tino. Egli aspettò che producesse Uva, MA ESSA FECE UVA SELVATICA.

[3] Or dunque, Abitanti di Gerusalemme e Uomini di Giuda, siate voi Giudici fra Me e la Mia Vigna.

[4] Che cosa dovevo fare ancora alla Mia Vigna che Io non abbia fatto? Perché, mentre attendevo che producesse Uva, ESSA HA FATTO UVA SELVATICA ?

Dal Libro del Profeta Geremia (8,11-13)

[11] Essi curano la Ferita del Mio Popolo MA SOLO ALLA LEGGERA, dicendo: Bene, bene! MA BENE NON VA !!

[12] Dovrebbero vergognarsi dei loro Atti abominevoli, MA NON SI VERGOGNANO AFFATTO, non sanno neppure arrossire. Per questo cadranno con le altre vittime, NELL’ORA DEL CASTIGO saranno prostrati” dice il Signore.

[13] “LI MIETO E LI ANNIENTO, dice il Signore, non c’è più Uva nella Vigna né Frutti sui Fichi; Anche le Foglie son avvizzite. HO PROCURATO PER LORO DEGLI INVASORI”.


(Parola di Dio)


< In Nomine Patris… et Filii et Spiritus Sancti…

Sancte Míchaël Archángele… defénde nos in Praélio…

contra Nequítiam et Insídias Diaboli esto Præsídium…

Imperet illi Deus… súpplices deprecámur:

Tuque… Prínceps Milítiæ Cæléstis… Sátanam aliósque Spíritus Malígnos… qui ad perditiónem 

Animárum pervagántur in Mundo… Divína Virtúte in Inférnum detrude… 

Amen. >

< Nel Nome del Padre… del Figlio e dello Spirito Santo…

San Michele Arcangelo… difendici nella Battaglia…

sii nostro Aiuto contro la Malvagità e le Insidie del Diavolo…

Che Dio eserciti il Suo Dominio su di Lui… supplichevoli Ti preghiamo :

Tu… che sei il Principe della Milizia Celeste… con la Forza Divina rinchiudi nell’Inferno Satana e

tutti gli altri Spiriti Maligni che vagano nel Mondo per condurre le Anime alla Dannazione Eterna…

Amen. >

Questa… è una delle Preghiere… composte dal Sommo Pontefice Leone XIII…

da recitarsi… da allora… “obbligatoriamente”… al termine di ogni santa Messa…

E infatti… papa Leone XIII… la compose perchè il 13 ottobre 1884…

aveva avuto una Visione “terrificante” (…al termine della Messa in Vaticano… )

nella quale… Satana… minacciava di distruggere la Chiesa Cattolica… (*)


Questa Preghiera… continuò ad essere recitata… fino al 26 settembre 1964…

quando… con la “riforma liturgica”… scaturita dal Concilio Vaticano II…

l’istruzione “Inter oecumenici” n.48, § j, decretò:

“…le Preghiere leonine sono soppresse”…

LE “PRECI LEONINE” SONO SOPPRESSE ??

Pura Follia… !!


A questo punto… dobbiamo ricordare che fu proprio l’Arcangelo San Michele… 

che per primo… scagliandosi contro Lucifero che aveva osato sfidare Dio…

pronunciò la frase… “Chi è come Dio ?”…

poi “ripetuta”… da tutti gli Angeli “fedeli a Dio”…

come un unico Grido di “battaglia” che squarcia le Tenebre…

e respinge gli Angeli “ribelli a Dio”… che sobillati da LUCIFERO…

si “illudevano” di prendere addirittura il “Posto di Dio”…

Lo stesso “nome” Michele… “è derivato” proprio da quella frase…

(→ rif. PENSIERINO n. 108)


È ormai passato oltre mezzo secolo… da allora…

da quella “sciagurata decisione” del 1964…  e il DISASTRO… che ne è seguito…

ossia lo stato “pietoso”… in cui si trova la Chiesa Cattolica “attuale”…

è sotto gli occhi… di tutti i veri Cattolici… (purtroppo)

Nelle prossime Parti di questo PENSIERINO…

continueremo ad approfondire questi concetti…

alla LUCE del Vero Magistero… e della Sacra Scrittura… 



< Nota (*): Nel 1884 La mattina del 13 ottobre, esattamente 33 anni prima dell’Apparizione più importante di Fatima… la SESTA… quella del Miracolo del Sole… , papa Leone XIII durante una celebrazione nella Cappella Paolina, parve improvvisamente immobilizzato per qualche minuto, dopo di che, con aspetto provato, rientrò prontamente nel suo studio, compose l’invocazione all’Arcangelo Michele a difesa da qualche azione incombente del Diavolo e la affidò manoscritta al responsabile della Congregazione dei Riti affinchè fosse inserita nell’ambito del Rituale Romano. La preghiera fu poi rimossa dalle innovative disposizioni del Concilio Vaticano II. >





Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui social:

Lascia un commento

Solve : *
24 + 11 =


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalySpainEnglishFrenchBrazil